Ecco a voi la nave elettrica più grande del mondo

Non solo auto e moto elettriche, anche navi! Il costruttore navale australiano Incat Tasmania ha in costruzione la più grande nave leggera elettrica a batteria (130 m di lunghezza) finora costruita al mondo per la consegna al suo cliente sudamericano, Buquebus.

Tra le navi in costruzione nel cantiere navale c’è un traghetto leggero da 130 metri, originariamente destinato ad essere alimentato a GNL, che trasporterà 2.100 passeggeri e 226 veicoli per il cliente sudamericano di lunga data di Incat, Buquebús. Dopo una stretta consultazione con il cliente, a Incat è stato recentemente chiesto di valutare la possibilità di sostituire il propulsore a GNL con una soluzione elettrica a batteria.

Anche se ci sono sfide da superare, la nave che sarà consegnata nel 2025, quando sarà elettrica a batteria, sarà il traghetto più grande, leggero e a zero emissioni del mondo, operante su qualsiasi rotta del mondo. Incat Tasmania è sempre stato un innovatore, in anticipo rispetto alla curva tecnologica e la consegna di un traghetto elettrico a emissioni zero consoliderà Incat come leader mondiale nel trasporto leggero e a emissioni zero.

Una nave cargo trasporta container in mare
Una nave cargo trasporta container in mare-Pixabay-pexels.com

Questa nave, il traghetto Ro-Pax elettrico a batteria più grande del mondo, sarà elettrica al 100% a batteria. Il sistema di accumulo dell’energia (ESS) con capacità di oltre 40 MWh sarà quattro volte più grande di qualsiasi installazione di batterie costruita e installata in qualsiasi parte del mondo per l’ambiente del trasporto marittimo. Le batterie alimentano una serie di motori elettrici che azionano il sistema di propulsione a getto d’acqua. L’integrazione del sistema elettrico è di Wärtsilä e ESS di Corvus Energy. L’interesse per queste navi elettriche a batteria è molto positivo e Incat sta ora lavorando alla costruzione del suo secondo ma più piccolo traghetto per veicoli/passeggeri elettrici a batteria.

Il presidente e fondatore del gruppo Incat, Robert Clifford, ha affermato: “il cliente vuole che ciò accada, Incat vuole che ciò accada e, sebbene ci siano questioni da finalizzare, sono estremamente fiducioso che Incat possa consegnare questa nave innovativa. Nella mia esperienza, a meno che non succeda nulla di strano, questo è un “affare fatto”.

L’amministratore delegato di Incat Craig Clifford afferma che questa è un’opportunità unica per Incat. Anche se ci sono sempre delle sfide se si cambia qualsiasi aspetto della progettazione di una nave durante la costruzione, in termini semplici, questo significa semplicemente scambiare un metodo di propulsione con un altro: avrà comunque notevoli vantaggi ambientali e aprirà una strada completamente nuova. mercato per questo tipo di navi.

Il governo federale australiano ha un piano chiaro per decarbonizzare l’economia e con il 100% di energia rinnovabile e le emissioni nette pari a zero già raggiunte qui in Tasmania, siamo nella posizione ideale per costruire navi a zero emissioni per il mondo proprio qui. Infatti, poiché la Tasmania ha già raggiunto emissioni nette pari a zero, siamo l’unico luogo sul pianeta in grado di costruire navi elettriche a batteria a emissioni zero in un ambiente già a emissioni nette zero per i nostri clienti.

La forza di Incat come costruttore leader a livello mondiale di navi leggere posiziona l’azienda a guidare la rivoluzione elettrica. Costruire in alluminio marino significa che le navi sono più leggere di una nave in acciaio di dimensioni equivalenti, quindi richiedono molta meno potenza per la propulsione. Il livello di energia può essere utilizzato per una maggiore autonomia a velocità inferiori o per una velocità maggiore su percorsi più brevi. L’alluminio è leggero senza sacrificare la resistenza, è un terzo del peso dell’acciaio, tuttavia, dopo fattori di progettazione, il peso finale di una nave in alluminio INCAT sarà circa la METÀ di quello dell’acciaio.

Impostazioni privacy