Svelata una coupé elettrica da sballo, non crederete a chi l’ha prodotta: è solo l’inizio…

Le automobili elettriche prendono sempre più il sopravvento sul mercato automobilistico. Guardate questa qua.

Nel contesto automobilistico internazionale, le vetture elettriche si stanno facendo sempre più strada. Tanto fa anche il costante sviluppo delle aziende che non mollano nemmeno un centimetro sotto questo punto di vista.

sc-01 xiaomi
Auto elettrica da urlo: ecco di cosa si tratta (electricmobility.it – Canva)

Anche perché nel 2035 avverrà la tanto nominata, agognata e voluta transizione elettrica. In Europa sicuramente, ma pure in molti Stati degli USA e non solo. Insomma, i preparativi si accendono in vista del futuro.

Anche da parte di aziende dalle quali non ci si aspetterebbe mai niente di simile. Qualcosa di speciale sta certamente accadendo, e proprio per questo noi vogliamo capire di cosa si tratta. A partire da una coupé elettrica di rara bellezza ed incredibile ingegno. Ed è solo l’inizio. E che inizio.

Auto elettriche, questo è solo l’inizio: e che inizio

Debutta in Cina la SSC SC-01. Parliamo di una coupé elettrica compatta da 425 CV di potenza massima. Realizzata dalla startup Gongjianpai Auto Technology, è stata finanziata anche dal costruttore hi-tech Xiaomi – che, a proposito, in futuro ambisce a produrre automobil ia tutti gli effetti -. E’ a due posti a cielo aperto. Il peso è contenuto e le prestazioni sono assolutamente da vettura sportiva.

sc-01 xiaomi
SC-01, l’incredibile progetto che riguarda anche Xiaomi (electricmobility.it – AutoCar)

Il marchio, conosciuto in cina come XiaoPaoChe, o Small Sports Car (SSC), promette buone prestazioni dal punto di vista velocistico e dell’autonomia. Lunga 4,1 metri, larga 1,8 e alta 1,1,  pesa solamente 1.370 chilogrammi. E’ dotata di due motori elettrici che combinati donano il risultato di 425 CV. L’auto può accelerare da 0 a 100 in soli 3,5 secondi. La batteria con celle NMC (nichel-manganese.cobalto) ha una capacità massima di 60 kWh e assicurerebbe 520 chilometri di autonomia con omologazione CLTC (ciclo cinese per l’autonomia).

Può essere caricata dal 30 all’80% in meno di mezz’ora.  Gli interni di quest’auto presentano una strumentazione Lcd davanti al guidatore, con tanto di volante sportivo a tre razze, selettore della trasmissione sul tunnel centrale, sedili sportivi e diversi comandi come la gestione del climatizzatore sopra il parabrezza. Il prezzo non è stato ancora confermato, anche se pare che si aggirerà sui 300.000 yuan (38.950 euro).

L’auto approderà in Cina nel 2024. Non sappiamo se e quando sbarcherà in Europa, ma una cosa è certa; sempre più produttori legati al mondo telefonico si danno davvero da fare per entrare a far parte di un settore molto complesso e competitivo quale è l’automotive. La connettività dell’auto è certamente un fattore da considerare per il futuro delle quattro ruote, e che può favorire certi marchi. Di cui Xiaomi fa parte, e con successo peraltro.

Impostazioni privacy