Maserati, emozionante ritorno alla tradizione, ma stavolta sarà elettrica

Il marchio italiano lancia una nuova vettura, mix perfetto di tradizione ed innovazione, per uno sguardo verso il futuro del brand.

Maserati sta affrontando, un po’ come tutti, un periodo di transizione nel quale il marchio italiano sta cercando di passare all’elettrico. Oltre alla gamma di vetture nuove, però, l’obiettivo è convertire anche i modelli tradizionali del marchio, per continuare a portare avanti la storia del marchio.

Maserati elettrica
Maserati converte tutta la sua gamma in elettrico (ansafoto.it) electricmobility.it

Dopo averlo fatto con la GranTurismo, adesso è il turno della Quattroporte, che farà da sostituta sia dell’ammiraglia di Maserati che della Ghibli. La nuova Quattroporte avrà un look rinnovato: più piccola nelle dimensioni (supererà di poco i 5 metri) per avvicinarsi alla concorrenza, in particolare la Porsche Taycan, il nuovo riferimento per la nuova vettura Maserati.

A differenza degli esperimenti fatti con la Grecale e la GranTurismo Folgore, che affiancavano una versione endotermica ed una elettrica, la prima volta Maserati abbandona completamente il motore termico per abbracciare esclusivamente il progetto dell’elettrico. Un taglio netto col passato che, tuttavia, è ormai necessario se si vuole rimanere a passo con i mercati automobilistici attuali.

Maserati, la nuova Quattroporte: uno sguardo al futuro del marchio

Ciò che stravolgerà il nuovo progetto tecnico di Maserati sulla Quattroporte è senza dubbio, la piattaforma sulla quale poggerà l’intera vettura elettrica. la Stla LArge, che deriva dal pianale Giorgio pensato per le Alfa Romeo Stelvio e Giulia, sarà la base perfetta per l’impianti elettrico da 800 volt della Quattroporte. Un impianto di ultima generazione, pur non essendo la Quattroporte un veicolo “nativo” elettrico.

Maserati ritorno tradizione
Il marchio italiano lancia la Quattroruote elettrica, tradizione ed innovazione (Maserati Media Press) electricmobility.it

Le batterie raggiungeranno i circa 100 kWh, con un’autonomia di circa 500 km, con la possibilità della ricarica UltraFast in corrente continua (fino a 270 kWh di potenza).

Dal punto di vista del design la vettura si presenta più snella e agile, con alcuni spunti derivanti dalla GranTurismo ma anche diversi dettagli aerodinamici, tipici della Quattroruote. Al top di gamma dovrebbe essere disponibile una versione con tre motori, due posteriori ed uno anteriore, per una potenza totale di 760 CV ed un’accelerazione da 0 a 100km/h in meno di tre secondi. Sarà disponibile anche una versione con due motori e 550 CV, sintomo della volontà di Maserati di presentare un’auto che possa essere performante senza, tuttavia, rinunciare mai al piacere della guida.

Occhio quindi ai prossimi mesi, perchè Maserati fa sul serio e si candida di diritto alle posizioni di vertice delle auto elettriche di “lusso”.

Impostazioni privacy