Auto elettrica, la grande mazzata: vi diciamo cosa c’è dietro

Se in Italia non è ancora stato boom delle auto elettiche, ci sono diverse spiegazioni ma una è davvero clamorosa e ribalta tutto

Quanto conviene guidare un’auto elettrica rispetto ad una motorizzazione tradizionale o anche ibrida? La domanda può sembrare banale, ma non lo sono le risposte e se arrivi fino in fondo all’articolo capirai. Perché sui possessori dei modelli a spina si sta per abbattere una mazzata non di poco conto.

Mazzata sull'elettrica
Mazzata, ecco cosa capita – electricmobility.it

Tutto ruota attorno ad un capitolo delicatissimo per gli automobilisti, quello della RC Auto. Un obbligo previsto dalla legge, quello della copertura annuale, che composta anche un doppio rischio. Quello di una multa salata nel caso sia accertata la mancanza. Ma anche di una spesa esorbitante nel caso di un danno che sarebbe quindi scoperto.

E qui veniamo alla prima risposta. Oggi in Italia il risparmio guidando un’auto elettrica rispetto a un veicolo con il motore termico è accertato. In media la polizza per l’assicurazione ha un costo ridotto dal 105 al 30% in base al comune di appartenenza ma anche alle compagnie.

Il motivo è chiaro. Almeno sulla carta i veicoli 100 per cento elettrici godono di sconti e prezzi ribassati perché inquinano meno e quindi anche le compagnia assicuratrici ne incentivano l’acquisto. In più generalmente hanno costi di manutenzione generalmente minori risprtti ai modelli termici de anche questo incide.

Attenzione però perché qui arriva il primo snodo fondamentale. Dipende da azienda ad azienda, perché tutto sta nelle batterie: quelle di diversi marchi non sono complicate da riparare. Ma sulla Tesla ad esempio in caso di danno al propulsore cominciano problemi gravi.

Auto elettrica, la grande mazzata: non tutto è così conveniente e pulito come sembra

In realtà però questo è solo uno degli aspetti legati alla mobilità elettrica e nemmeno il peggiore di questi tempi. L’Osservatorio di Segugio.it infatti ha monitorato attentamente i prezzi delle RC Auto per i modelli elettrici nei primi otto mesi del 2023. E ha scoperto un aumento pari ad almeno il 30% rispetto al 2020. Invece quelli dei modelli con motori tradizionali, per quanto alti, sono rimasti quasi stabili.

RC Auto, le auto elettriche nel mirino: le cause sono chiare
RC Auto, le auto elettriche nel mirino (Ansa Foto) – Electricmobility.it

Ma non è questa l’unica cattiva notizia per chi guida un modello a spina, anche tra i motociclisti. Sta per arrivare infatti una tempesta finanziaria sotto forma di rincari anche per loro e basta guardarsi in giro per capirlo.

Nel Regno Unito, come ha fatto notare di recente il Financial Times, il 2023 è stato un anno di aumenti decisi e rapidi delle polizze per le elettriche, molto più netti rispetto agli altri modelli. Tutto questo dipende dai costi delle riparazioni che si stanno rivelando più alti rispetto a quelle che erano le previsioni. Questo incide in maniera profonda quindi anche sui costi.

In particolare i premi cresciuti di più sono relativi alla Tesla Model 3, il veicolo elettrico più venduto al mondo insieme alla consorella Tesla Y. Come ha fatto notare un recente studio specializzato, le richieste di risarcimento per i veicoli elettrici sono in media più alte del 25% rispetto ai modelli a combustione e richiedono anche più tempo.

Il morivo è facile da intuire e sta nei pezzi di ricambio che sono più difficili da trovare sul mercato perché comunque richiedono maggiore tempo. In particolare quelli delle batterie, indipendentemente dai materiali che le compongono. Ecco perché torniamo alla domanda iniziale: quanto conviene guidare un’auto elettrica? Se lo stanno chiedendo in molti oggi.

Impostazioni privacy