Veicoli elettrici, scatta l’allarme: l’annuncio ufficiale preoccupa tutti

Non mancano i problemi per la vendita di veicoli elettrici, con la situazione che in Italia sembra essere sempre più allarmante.

La voglia di rinnovamento non sta colpendo tutto il Belpaese, anzi è evidente come siano ancora moltissimi gli scettici per quanto riguarda l’acquisto di un’auto o di una moto a impatto zero. Diventa però di primaria importanza fare in modo che la gente capisca che questa mobilità è l’unica che può garantire sviluppo economico e al contempo migliorare sensibilmente l’aria che respiriamo.

Askoll scooter elettrico problemi vendite
Veicoli elettrici, incredibili vendite (Canva – electricmobility.it)

I dati per il momento sono tutto tranne che confortanti, considerando infatti come nel 2023 solo il 4,1% delle automobili vendute in Italia è stato elettrico. Dati che fanno sì che il Belpaese sia il triste fanalino di coda tra le nazioni dell’Europa occidentale, staccata anni luce dalla Germania che si stanzia sul 18% complessivo.

Sono numeri che devono far riflettere, ma che ovviamente non devono in alcun modo bloccare la crescita e lo sviluppo di questi mezzi. Secondo gli esperti il 2024 sarà un anno estremamente duro per la mobilità a impatto zero, ma probabilmente il vero boom ci sarà dal 2026, quando le tecnologie saranno tali da permettere di creare delle vetture elettriche molto più prestazionali e anche più economiche.

Sono diversi gli aspetti dunque che non stanno aiutando nella vendita di auto elettriche, ma ciò che avrebbe già dovuto spopolare sono gli scooter a impatto zero. Questi infatti sono fondamentali, in quanto il loro utilizzo è quasi prettamente limitato alla città, dunque poter girare nelle strade interne con un mezzo ecologico e senza che questi possa creare problemi ambientali è di importanza capitale. A quanto pare però i numeri non sono per nulla favorevoli.

Crollano gli scooter elettrici: i numeri del 2023 sono un disastro

Se già in tutto il 2023 non sono stati eccellenti i numeri riguardanti la vendita di scooter elettrici, i dati che derivano da novembre sono davvero allarmanti. In questo mese infatti gli italiani hanno acquistato un numero estremamente ridotto di scooter ecologici, con il totale che ha toccato solo 544 moto in tutta Italia.

Askoll scooter elettrico problemi vendite
Askoll, gli scooter elettrici più venduti (Askoll Press Media – electricmobility.it)

Il dramma lo si denota però con gli scooter, perché se complessivamente le moto subiscono un calo del 63,68% sulle vendite, questi mezzi crollano del 70,98%. Numeri che hanno comportato la vendita di soli 285 scooter nel mese di novembre, vuol dire meno di 10 al giorno in tutta Italia. Così diventa davvero molto difficile poter attuare la transizione ecologica, con Askoll ES1 che è lo scooter più venduto nel 2023 che non tocca nemmeno i mille esemplari, solo 911.

A parlare di questa drammatica situazione ci ha pensato Confindustria ANCMA, con i dati che sono spiegati dal fatto che non ci sono incentivi nell’acquisto di moto e scooter. Nel comunicato ufficiale infatti si parla del fatto che il Governo abbia il dovere di sbloccare i 5,6 milioni di Euro che erano stati stanziati nel 2022 e che non erano stati sfruttati.

Solo in questo modo sarà possibile far sì che molti cittadini decidano di acquistare veicoli elettrici. Il fatto che siano fondamentali in tutto il mondo gli incentivi deve però far riflettere. La netta flessione la si è vista anche in Germania non appena il Governo ha terminato gli aiuti per l’acquisto di auto elettriche e finché non si migliorerà l’autonomia su strada difficilmente le cose cambieranno,

Impostazioni privacy