Sharing elettrico, la notizia che fa gioire i pedoni: salvati dall’intelligenza artificiale

I pedoni possono esser salvati grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale. Lo sharing elettrico come non si era mai visto

Oggigiorno, il supporto digitale sembra esser divenuto fondamentale per poter andare a migliorare alcuni servizi e talune prestazioni. Grazie a questo tipo di aiuto si potrà ovviare ad alcune problematiche che si vanno a creare all’interno di alcuni comparti, come quello dello sharing elettrico.

L'AI dello sharing elettrico riesce a salvare i pedoni
Pedoni salvati dall’AI – Electricmobility.it

Fortunatamente, però, adesso l’intelligenza artificiale è pronta a dare un sostegno migliore ai pedoni che in passato si erano trovati in difficoltà. Questi ultimi, infatti, erano vittime di un malcostume che veniva effettuato con troppa disinvoltura. Inoltre, si andava a provocare danno al decoro cittadino, anche perché vi era, e vi è ancora, un modo di fare incosciente da parte di chi utilizza lo sharing elettrico cittadino.

Si tratta di quando diverse persone, per lo più sembrano esser giovani e poco educati all’utilizzo del servizio, lasciavano abbandonate le biciclette e i monopattini che avevano noleggiato per un breve tempo. Non solo, ciò veniva fatto anche lasciando questi veicoli a terra, o ostruendo alcune uscite, con il rischio di rovinarli o romperli, danneggiando il prossimo utente che aveva confidato in quel mezzo. Ora, però, grazie a questo nuovo metodo si potrà ovviare a tale atteggiamento inutile e incosciente.

La soluzione è l’AI

Vi è un’azienda che si occupa di Sharing elettrico, la quale ha deciso di prendere di petto la situazione. Sono state troppe le persone che si sono lamentate per un utilizzo errato di e-bike e di monopattini elettrici condivisi. Si chiama Dott ed è una multinazionale che si occupa proprio del servizio di sharing cittadino e che è stata fondata nel 2019 ad Amsterdam, in Olanda.

Dott riesce a salvare i pedoni con l'AI
Intelligenza artificiale di Dott salva i pedoni (Ridedott.com) – Electricmobility.it

Possiede varie sedi in circa 35 città in tutta Europa e si occupa, in special modo, di micromobilità. Per poter ovviare al malcostume di gettare i mezzi in questione a terra, Dott ha deciso di utilizzare la tecnologia di Captur, la quale si basa sull’intelligenza artificiale. In tal modo, sarà possibile poter esaminare nell’immediato tutte le foto dei parcheggi che sono state inviate da parte degli utenti.

Dopo che il noleggio è volto al termine, la persona che ha usato uno dei mezzi messi a disposizione da parte di Dott riceverà un feedback. Nel caso in cui il parcheggio sia stato scorretto, allora gli verrà notificata la situazione tramite l’invio di una guida capace di poter insegnare il modo migliore di poter parcheggiare i veicoli condivisi. I tanti italiani che usufruiscono dei servizi di questa azienda (dato che si trova a Roma, Milano e Padova), saranno utilizzati per poter sperimentare questa nuova tecnologia.

Impostazioni privacy