Auto elettriche, arriva uno schiaffo anche da Audi: la decisione è ormai presa

L’Audi ha preso una decisione clamorosa, che fa sperare i puristi delle quattro ruote. Ecco cosa hanno scelto di fare.

Il mondo dell’auto elettrica non riesce a decollare, e questo non fa altro che aumentare i dubbi della clientela e dei costruttori. L’Audi era uno di quelli che voleva puntare tutto sulle emissioni zero, ma ora è arrivata una decisione che ha cambiato tutto, e che può fare scuola in chiave futura.

Audi decisione clamorosa
Audi logo (ANSA) – Electricmobility.it

Infatti, l’Audi ha deciso di fare marcia indietro sulle auto elettriche, anche se non smetterà di realizzarle. La casa di Ingolstadt, con questa nuova mossa, potrebbe fare in modo di dare più speranza alle auto a combustione, che sembrano spacciate a seguito del blocco del 2035 deciso dall’Unione Europea.

Audi, no allo stop ai motori termici nel 2026

La follia elettrica sembra finalmente trovare qualche oppositore, con una decisione clamorosa che è arrivata da chi non ci potevamo aspettare. Infatti, l’Audi aveva da poco annunciato la volontà di fermare le auto termiche a partire dal 2026, lasciandone un numero molto limitato nella gamma, vale a dire quelle della serie più sportiva e costosa, le RS.

Audi termica che notizia
Audi termica in mostra (Audi) – Electricmobility.it

Tuttavia, in queste ultime ore è arrivata una novità che cambia tutto, dal momento che le termiche e le Plug-In Hybrid resteranno in produzione almeno sino al 2030. Si tratta di una decisione molto forte per la casa di Ingolstadt, la quale fa parte del gruppo Volkswagen, colosso delle quattro ruote che ora vive una fase di crisi nera, anche a causa del flop sulle auto elettriche.

La decisione dell’Audi è maturata dopo quanto accaduto con la Q4 e-tron, che pur avendo avuto un discreto successo, ha generato dei guadagni inferiori alla Q3. Infatti, gli alti costi di produzione non sono stati coperti in modo sufficiente dalle buone vendite, cosa che ha fatto riflettere i vertici in chiave futura. La batteria è il vero e proprio salasso in termini di produzione di EV, e guadagnare in modo importante sulla vendita di queste auto è ancora un qualcosa di molto difficile da ottenere.

Molto basso, invece, è stato l’interesse per la e-tron GT, dal momento che chi può spendere per averla preferisce puntare sulla Porsche Taycan. Infatti, pur avendo molte cose in comune, visto che anche la casa di Weissach fa parte della Volkswagen, quasi tutti preferiscono acquistare una Porsche piuttosto che un modello della casa dei quattro anelli, ma la cosa non ci sorprende più di tanto.

Attualmente, dunque, la casa di Ingolstadt si limiterà a commercializzare la Q6 e-tron e la A6 e-tron, ma per il momento, non ci sono altri progetti in cantiere riguardo alle auto elettriche. Si tratta di una decisione forte ed inattesa, ma che può segnare una vera e propria svolta.

Con ogni probabilità, le case stanno iniziando ad aprire gli occhi sul fatto che l’elettrico sia un fallimento, almeno nel caso in cui questo viene imposto. Le EV possono essere un’alternativa, e magari in questo modo potrebbero anche essere accettate al meglio. Vedremo se altri marchi decideranno di copiarla.

Impostazioni privacy