Notizie in evidenza

Monopattini elettrici, test verità: i mezzi più diffusi sottoposti a prove durissime, com’è andata

Ecco quali sono i migliori monopattini elettrici: non sai quale comprare? Non...

Un’Audi elettrica da 1700 CV? La nuova supercar che può stravolgere il mercato

L'Audi si sta lanciando sempre di più nella produzione...

Auto elettrica, è il momento giusto: ora la rata mensile è davvero bassissima

Secondo gli esperti, è arrivato il momento perfetto per...

Sigle delle auto elettriche ed ibride: ecco cosa significano

Spesso ti sarai imbattuto in un veicolo elettrico durante i tuoi viaggi. Tra le varie caratteristiche insolite di questi veicoli moderni, potresti aver notato anche delle particolari targhe diverse dal solito. Siamo qui per spiegarti come mai queste differenziazioni e cosa si cela dietro di esse!

Una targa è un cartello di metallo con dei numeri attaccati sul retro e talvolta sul davanti della tua auto. Si tratta di base di un tag di identificazione per la tua auto. Ad esempio, se il tuo veicolo è stato rubato, la polizia userebbe la tua targa come un modo per identificare il tuo veicolo (altrimenti comune) attraverso il loro registro.

La sequenza di numeri e lettere è casuale, con le targhe che solitamente identificano il paese o il continente in cui quel veicolo è stato acquistato e registrato. Senza indugiare ulteriormente, andiamo ad analizzare in particolare le tre sigle più comuni per veicoli ed auto elettriche: BEV, MHEV, E PHEV.

Targa dietro il pick up
Targa dietro il pick up – Craig Adderley – Pexels.com

BEV, MHEV, E PHEV

Un veicolo completamente elettrico è alimentato esclusivamente da un motore elettrico a batteria, che viene caricato tramite la rete elettrica, ovvero non richiede alcun combustibile fossile. Ciò significa che, localmente, il veicolo è privo di emissioni al 100%. BEV è l’acronimo di Battery Electric Vehicle.

L’acronimo MHEV sta per Mild Hybrid Electric Vehicle. Questa sigla sta dunque a rappresentare un veicolo ibrido, che possiamo inquadrare come solo parzialmente “green”. Questi sono forse ad oggi i più diffusi rispetto a quelli completamente elettrici.

Un’auto mild-hybrid (spesso indicata come MHEV) funziona in gran parte come qualsiasi normale auto con motore a combustione. La differenza qui è che i produttori in genere aggiungono una batteria più piccola a un motore esistente per aumentare l’efficienza e ridurre le emissioni. Questo tende a funzionare consentendo al motore di interrompere la potenza prima quando si ferma, consentendo ai sistemi di avvio / arresto di mantenere il motore spento più a lungo e talvolta anche di offrire una spinta solo elettrica quando si parte.

Grande fabbrica tesla
Grande fabbrica tesla – Craig Adderley – Pexels.com

Vedrai le lettere PHEV contrassegnate su molti veicoli a motore nuovi. Questa sigla sta per “Plug-in Hybrid Electric Vehicle“. Al contrario, i veicoli elettrici (EV) hanno una batteria invece di un serbatoio di benzina e un motore elettrico invece di un motore a combustione interna. I veicoli elettrici ibridi plug-in (PHEV) sono una combinazione di veicoli a benzina ed elettrici, quindi hanno una batteria, un motore elettrico, un serbatoio di benzina e un motore a combustione interna.

Altre targhe piuttosto comuni

Vi sono altri termini ed acronimi associati al mondo delle auto a batteria oppure ibride. Ad esempio, la sigla LEV indica in generale tutti quelli che sono i Low Emission Vehicles. I veicoli a basse emissioni (LEV) sono vitali per affrontare il cambiamento climatico e migliorare il efficienza delle flotte di veicoli in quanto emettono livelli inferiori di gas serra rispetto a quelli convenzionali a combustibili fossili. Nonostante i notevoli progressi tecnologici, le città hanno incontrato alcuni ostacoli all’aumento dell’adozione dei LEV, compresa la mancanza di opzioni economicamente vantaggiose per consumatori, comuni e operatori del trasporto pubblico.

Tuttavia, un certo numero di città stanno assistendo ad una espansione dei LEV nei loro mercati e stanno attivamente facilitando questa diffusione programmi di incentivi innovativi e altre politiche e strategie. Il trasporto è uno dei contributori più significativi al cambiamento climatico globale, responsabile per il 27% delle emissioni globali di CO2.

Strade molto trafficate
Strade molto trafficate – Foto di zhang kaiyv – Pexels.com

Con l’aggiunta prevista di 2 miliardi di automobili a livello globale entro il 2050,
le emissioni legate ai trasporti dovrebbero crescere tra il 120% e il 230%. Molto di questo
aumento sarà il risultato della crescita della popolazione urbana e dell’espansione della copertura del suolo che si verificheranno a tariffe mai viste prima. Mentre sempre più persone si spostano verso le città, il trasporto urbano i sistemi svolgeranno un ruolo sempre più critico nel guidare un’azione responsabile per il clima e nella riduzione
emissioni globali.

Le città stanno attualmente adottando un approccio su tre fronti per ridurre le emissioni dei trasporti: ridurre la necessità di viaggi attraverso sviluppi orientati al transito; spostamenti verso modalità più efficienti come il trasporto pubblico e il trasporto non motorizzato; e migliorare l’efficienza delle flotte, attraverso il passaggio a tecnologie a basse emissioni.

Monopattini elettrici, test verità: i mezzi più diffusi sottoposti a prove durissime, com’è andata

Ecco quali sono i migliori monopattini elettrici: non sai quale comprare? Non sai qual è il migliore? Questa guida ti darà una mano a capire la situazione. Sono...

Un’Audi elettrica da 1700 CV? La nuova supercar che può stravolgere il mercato

L'Audi si sta lanciando sempre di più nella produzione di auto elettriche e uno dei prossimi modelli avrà una potenza incredibile.La Germania è una...

Auto elettrica, è il momento giusto: ora la rata mensile è davvero bassissima

Secondo gli esperti, è arrivato il momento perfetto per acquistare un'auto elettrica, poiché ora le rate mensili sono bassissime.Le automobili elettriche stanno pian piano...

Tesla perde il concorrente numero uno: doveva cambiare tutto, è rimasto al palo, delusione assoluta

Tesla perde un concorrente di grandissimo livello. Non c'è davvero niente da fare, le cose sono andate proprio così.Di Tesla si parla sempre e...

Addio auto elettriche, si scatena la crisi: l’annuncio del colosso

Non mancano di certo i problemi per le auto elettriche in questo periodo e alcuni modelli sono già destinati all'addio.Quando si decide di attuare...

Audi guarda al futuro, l’annuncio è di quelli ambiziosi: ha aperto adesso

La casa tedesca Audi ha deciso e si proietta nel futuro con un'operazione interessantissima. Ecco perché tutti sono ansiosi di vedere cosa succederà al brand.La casa dei...
Impostazioni privacy