Sigle delle auto elettriche ed ibride: ecco cosa significano

Spesso ti sarai imbattuto in un veicolo elettrico durante i tuoi viaggi. Tra le varie caratteristiche insolite di questi veicoli moderni, potresti aver notato anche delle particolari targhe diverse dal solito. Siamo qui per spiegarti come mai queste differenziazioni e cosa si cela dietro di esse!

Una targa è un cartello di metallo con dei numeri attaccati sul retro e talvolta sul davanti della tua auto. Si tratta di base di un tag di identificazione per la tua auto. Ad esempio, se il tuo veicolo è stato rubato, la polizia userebbe la tua targa come un modo per identificare il tuo veicolo (altrimenti comune) attraverso il loro registro.

La sequenza di numeri e lettere è casuale, con le targhe che solitamente identificano il paese o il continente in cui quel veicolo è stato acquistato e registrato. Senza indugiare ulteriormente, andiamo ad analizzare in particolare le tre sigle più comuni per veicoli ed auto elettriche: BEV, MHEV, E PHEV.

Targa dietro il pick up
Targa dietro il pick up – Craig Adderley – Pexels.com

BEV, MHEV, E PHEV

Un veicolo completamente elettrico è alimentato esclusivamente da un motore elettrico a batteria, che viene caricato tramite la rete elettrica, ovvero non richiede alcun combustibile fossile. Ciò significa che, localmente, il veicolo è privo di emissioni al 100%. BEV è l’acronimo di Battery Electric Vehicle.

L’acronimo MHEV sta per Mild Hybrid Electric Vehicle. Questa sigla sta dunque a rappresentare un veicolo ibrido, che possiamo inquadrare come solo parzialmente “green”. Questi sono forse ad oggi i più diffusi rispetto a quelli completamente elettrici.

Un’auto mild-hybrid (spesso indicata come MHEV) funziona in gran parte come qualsiasi normale auto con motore a combustione. La differenza qui è che i produttori in genere aggiungono una batteria più piccola a un motore esistente per aumentare l’efficienza e ridurre le emissioni. Questo tende a funzionare consentendo al motore di interrompere la potenza prima quando si ferma, consentendo ai sistemi di avvio / arresto di mantenere il motore spento più a lungo e talvolta anche di offrire una spinta solo elettrica quando si parte.

Grande fabbrica tesla
Grande fabbrica tesla – Craig Adderley – Pexels.com

Vedrai le lettere PHEV contrassegnate su molti veicoli a motore nuovi. Questa sigla sta per “Plug-in Hybrid Electric Vehicle“. Al contrario, i veicoli elettrici (EV) hanno una batteria invece di un serbatoio di benzina e un motore elettrico invece di un motore a combustione interna. I veicoli elettrici ibridi plug-in (PHEV) sono una combinazione di veicoli a benzina ed elettrici, quindi hanno una batteria, un motore elettrico, un serbatoio di benzina e un motore a combustione interna.

Altre targhe piuttosto comuni

Vi sono altri termini ed acronimi associati al mondo delle auto a batteria oppure ibride. Ad esempio, la sigla LEV indica in generale tutti quelli che sono i Low Emission Vehicles. I veicoli a basse emissioni (LEV) sono vitali per affrontare il cambiamento climatico e migliorare il efficienza delle flotte di veicoli in quanto emettono livelli inferiori di gas serra rispetto a quelli convenzionali a combustibili fossili. Nonostante i notevoli progressi tecnologici, le città hanno incontrato alcuni ostacoli all’aumento dell’adozione dei LEV, compresa la mancanza di opzioni economicamente vantaggiose per consumatori, comuni e operatori del trasporto pubblico.

Tuttavia, un certo numero di città stanno assistendo ad una espansione dei LEV nei loro mercati e stanno attivamente facilitando questa diffusione programmi di incentivi innovativi e altre politiche e strategie. Il trasporto è uno dei contributori più significativi al cambiamento climatico globale, responsabile per il 27% delle emissioni globali di CO2.

Strade molto trafficate
Strade molto trafficate – Foto di zhang kaiyv – Pexels.com

Con l’aggiunta prevista di 2 miliardi di automobili a livello globale entro il 2050,
le emissioni legate ai trasporti dovrebbero crescere tra il 120% e il 230%. Molto di questo
aumento sarà il risultato della crescita della popolazione urbana e dell’espansione della copertura del suolo che si verificheranno a tariffe mai viste prima. Mentre sempre più persone si spostano verso le città, il trasporto urbano i sistemi svolgeranno un ruolo sempre più critico nel guidare un’azione responsabile per il clima e nella riduzione
emissioni globali.

Le città stanno attualmente adottando un approccio su tre fronti per ridurre le emissioni dei trasporti: ridurre la necessità di viaggi attraverso sviluppi orientati al transito; spostamenti verso modalità più efficienti come il trasporto pubblico e il trasporto non motorizzato; e migliorare l’efficienza delle flotte, attraverso il passaggio a tecnologie a basse emissioni.

Impostazioni privacy