Notizie in evidenza

Auto elettrica, potenza gratis: il cambiamento che ci voleva, entusiasmo totale

Sarà sicuramente sempre più condiviso l'entusiasmo che si cela...

Ricarica, quanti soldi hai buttato? Il confronto che ti fa risparmiare

Sono in molti a chiedersi quale sia la ricarica...

Colosso mondiale in fuga dall’elettrico: costa troppo, si torna alla benzina

Notizia in controtendenza in arrivo in questi giorni. Il...

Come si potrebbe migliorare la ricarica elettrica in autostrada?

Negli ultimi due anni sempre più italiani stanno optando per una nuova automobile elettrica, sostituendo così le vecchie auto con motorizzazioni termiche. Nonostante il numero di auto elettriche immatricolate stia aumentando ogni anno, l’Italia rispetto agli altri paesi europei, e non, “avanza” ancora troppo lentamente, e le auto a benzina e gasolio risultano ancora le vetture preferite degli italiani.

Oltre al suddetto problema, e dunque al numero ancora esiguo di automobili elettriche immatricolate nel nostro paese, numerosi possessori di tali veicoli lamentano la scarsa visibilità delle piattaforme di ricarica “green” rispetto a quelle termiche, che comunemente conosciamo. Non esistono ancora cioè sulle autostrade cartelli segnaletici che sottolineano al guidatore la presenza a 10-20-25 chilometri di aree di ricarica. Di seguito presenteremo dunque alcuni dei problemi che si riscontrano sulle autostrade italiane per chi possiede queste tipo di auto, ed anche alcuni possibili rimedi agli stessi.

Le lamentele dei possessori delle elettriche

Come detto, dunque, non esistono i cartelli a chilometri di distanza dalle aree di ricarica, ma solo quando ci troviamo nei suoi pressi, cosa che invece ovviamente è presente quando si vuole segnalare ai guidatori una pompa di benzina comune. Ma in realtà di difficoltà e problemi gli utenti negli ultimi mesi ne hanno segnalati molti, osserviamone insieme qualcuno di seguito.

I guidatori di auto elettriche si lamentano anche del fatto che non si possa sapere quante colonnine siano libere in quel momento nell’area di ricarica più vicina se non tramite l’applicazione telefonica, un qualcosa di particolarmente scomodo e pericoloso. Sfruttiamo infatti proprio tale tema per ricordare ai lettori l’importanza del non usare mai il cellulare alla guida e di prestare sempre attenzione alla strada.

Fotografia di un tratto di autostrada del nostro paese
Fotografia di un tratto di autostrada del nostro paese-photoGraph-pexels.com

Cosa si potrebbe fare in merito?

Innanzitutto, come possiamo facilmente immaginare, il primo passo è l’implementare ulteriori colonnine di ricarica, in tal senso, Free to X, una azienda che si occupa proprio di servizi per la mobilità elettrica, ha in programma di aumentare da 75 a 100 le proprie stazioni di ricarica sulle reti autostradali entro la fine dell’anno in corso. Purtroppo però quest’ultime non sono equamente distribuite sul territorio della penisola, e la stragrande maggioranza delle colonnine si trovano nel Nord del paese.

Secondo noi, oltre ad una segnalazione più efficienze delle aree di ricarica, inoltre, sarebbe bene dotare le colonnine, a prescindere dalla compagnia che le ha istallate, di coperture, magari fotovoltaiche, che aiutino gli utenti nei momenti di pioggia o di caldo intenso, momenti cioè in cui armeggiare all’aperto con dei fili e della corrente elettrica risulta difficoltoso, fastidioso, ma anche pericoloso. Per fortuna in tal senso molte compagnie sembrano già aver compreso il problema e si sono dette ben disposte ad intervenire.

Auto totalmente elettrica in ricarica
Auto totalmente elettrica in ricarica-Kindel Media-pexels.com

Gli attuali prezzi di una ricarica Enel X in Italia

Ritengo utile inserire questo dettaglio per essere ancora più cristallini sul tema delle aree di ricarica. Enel x è, nel nostro paese, la compagnia che possiede il numero maggiore di colonnine di ricarica, osserviamo dunque i prezzi medi, al momento, di una ricarica elettrica. Analizzando nello specifico il servizio “Pay per Use”, e non considerando gli abbonamenti, notiamo in realtà un rialzo dei prezzi rispetto allo scorso anno.

Enel ha istallato due diverse colonnine elettriche, una a corrente alternata, ed una a corrente continua, che garantisce una maggiore potenza e minori tempi di ricarica. La prima colonnina costa 0.69 euro per ogni kWh ora utilizzato, mentre la seconda costerà al cliente 0.99 euro per kWh. Ricordiamo di non lasciare le proprie auto collegate quando la vettura ha raggiunto il 100% di ricarica, nel caso contrario infatti le aziende applicheranno sanzioni che verranno applicate nel momento del pagamento.

Auto elettrica, potenza gratis: il cambiamento che ci voleva, entusiasmo totale

Sarà sicuramente sempre più condiviso l'entusiasmo che si cela dietro l'ultima novità per le auto elettriche, è gratis!Perché non averlo gratis se si può?...

Ricarica, quanti soldi hai buttato? Il confronto che ti fa risparmiare

Sono in molti a chiedersi quale sia la ricarica migliore per la propria auto elettrica: ecco come fare per non buttare un sacco di...

Colosso mondiale in fuga dall’elettrico: costa troppo, si torna alla benzina

Notizia in controtendenza in arrivo in questi giorni. Il colosso dell'automobilismo ha deciso di abbandonare il passaggio all'elettrico per i costi elevatissimi.La filosofia che...

Auto elettrica, clienti delusi: segnale allarmante, può crollare tutto

Il mercato delle auto elettriche stenta a decollare e i clienti sembrano molto delusi: l'ultimo allarme è davvero preoccupante.Il futuro dell'automobile è l'elettrico,...

Elettriche economiche, c’è la conferma: tripletta del gigante tedesco

Novità nel mercato delle auto elettriche: qualcosa si muove sul fronte delle low cost. Vediamo di che cosa si tratta.Il mercato dell'auto elettrica non...

Auto elettriche, è boom in Italia: che occasione adesso, i dettagli

Auto elettriche, super occasione per gli automobilisti italiani: è boom anche nel nostro paese. I dettagli.Siamo in una fase molto delicata per quello che...
Impostazioni privacy