Bonus auto elettriche, ricevi 8mila euro subito: ecco come ottenerli

Un bonus golosissimo per chi sta pensando di passare all’auto a zero emissioni, vi spieghiamo come ottenerlo.

Stai pensando di pansare all’auto elettrica? Considerato che i prezzi non sono ancora al livello delle auto a combustione, un grosso bonus governativo può essere d’aiuto per fare una scelta conveniente anche dal punto di vista economico, oltre che ecologico.

bonus auto elettrica colonnina di ricarica
Bonus auto elettrica (electricmobility.it – Canva)

Il futuro è elettrico, e su questo non ci sono dubbi. Per entrarci subito, e non nel 2035, quando non ci sarà altra scelta, il governo mette a disposizioni incentivi molto sostanziosi. Non sono l’unico motivo per scegliere la propulsioni elettrica ma male non fanno di sicuro. In questo articolo li passeremo in rassegna e vedremo chi può ottenerli, e come.

Auto elettriche, il bonus è attesissimo: i dettagli

Sono iniziati gli incentivi per quanto riguarda le colonnine elettriche. Parliamo di colonnine private, capaci di abbassare la spesa media mensile rispetto a chi ne fa un utilizzo quasi esclusivo in strada. A comunicarlo è stato il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che in una nota ha precisato che le risorse a disposizione sono di 80 milioni di euro. Cifra che aiuterà svariate persone ad acquistare impianti volti alla ricarica di vetture elettriche.

bonus auto elettrica colonnina di ricarica
Bonus colonnina di ricarica, dettagli di una manovra molto utile (electricmobility.it – Canva)

Il bonus in questione fa riferimento alle soluzioni attuate dai privati quanto a quelle dei condomini. Dal 9 ottobre al 2 novembre si può richiedere il sostegno economico per le installazioni effettuate nel 2022. Installazioni che devono essere state necessariamente svolte dal 4 al 31 dicembre 2022. Nessun annuncio preciso per quanto permane la richiesta di bonus per il 2023.

Di sicuro sono previsti contributi notevoli, pari all’80% del prezzo d’acquisto. Quanto descritto è legato ad un sostegno più collettivo. Parlando di privati, il massimo aiuto consentito è di 1.500 euro. 8.000 euro invece per le installazioni condominiali. Come fare a presentare domanda? Sarà Invitalia a gestire l’intera procedura su mandato del ministero. Le domande regolarmente presentate saranno ammesse secondo l’ordine cronologico di caricamento sulla piattaforma.

Il contributo sarà poi accreditato direttamente sul conto corrente indicato dal beneficiario. Sarà inoltre messo a disposizione un servizio apposito attraverso il portale del ministero, sul quale fare accesso tramite SPID, CIE O CNS, in modo tale da verificare la propria identità. Occorre prestare molta attenzione in fase di presentazione della domanda. Semplicemente perché gli errori non vengono fatti passare in secondo piano.

Impostazioni privacy