La piccola ammiraglia da città: la full electric che vince in prezzo e dotazioni,

Costruita da questo marchio che non ha bisogno di presentazioni, arriva la nuova piccola italiana “Green” che farà sicuramente il botto sul mercato. 

Tra i tanti marchi italiani che si sono succeduti al comando del mercato delle auto elettriche negli ultimi anni, con la Fiat che sembra ormai il “pesce più grosso” per numeri, vendite e soprattutto popolarità dei suoi modelli, non possiamo dimenticarci DR; questo brand, nato come una cenerentola del settore, si è via via imposto con offerte sempre più vantaggiose.

Automobiel italiana top
La sorpresa sul mercato italiano… (Canva) – Electric Mobility.it

La casa di Macchia di Isernia si sta recentemente spostando anche sul mercato delle automobili elettriche in cui ha introdotto qualche modello molto interessante: uno su tutti, potrebbe essere la nuovissima DR 1.0, um modello caratterizzato da piccole dimensioni, un motore a batteria e in generale tutto ciò che ha permesso alle citycar elettriche di diventare tra le auto più cercate in Europa e nel mondo.

Sembra che il brand ci tenga particolarmente al modello: “Rivoluzioniamo la mobilità elettrica in città con questo modello”, si dice in casa DR e con le caratteristiche della vettura che forse ricordano un po’ quelle della Smart quando uscì sul mercato la prima volta, questo è senz’altro possibile. Vediamo di cosa si tratta.

Adatta alle metropoli

Dal punto di vista delle dimensioni la DR 1.0 è sicuramente molto difficile da battere: con una lunghezza di 3,2 metri ed un peso poco superiore alla tonnellata l’auto riesce comunque a disporre di quattro posti ottimizzando lo spazio a bordo. Tra gli esempi di grande intelligenza nella disposizione dello spazio, troviamo alcuni dettagli che vale la pena sottolineare…

Piccola citycar italiana
La DR 1.0 può stupire tutti (DR) – Electric Mobility.it

Frontalmente, l’auto presenta un piccolo monitor per tenere sotto controllo i vari aspetti di bordo in posizione verticale, cosa che consente di risparmiare spazio per pilota e passeggero. L’automobile dispone poi di un motore a batteria WTLP che dovrebbe garantire un minimo di 210 chilometri di autonomia per 120 chilometri orari di velocità massima. Non deve battere un record di velocità insomma ma solo assicurarsi che troviate parcheggio anche nell’ora di punta nel peggior quartiere della vostra città per traffico.

Tutto questo arriva a prezzi ovviamente bassissimi: la casa italo-cinese ci tiene molto, puntando sull’aspetto low cost fin da quando ha aperto i battenti. Si parla di un costo di 19,900 Euro, molto più contenuto della maggior parte delle concorrenti. Un vero affare, non vediamo l’ora di poterla provare su strada…

Impostazioni privacy