Processo all’auto elettrica: “non ne abbiamo bisogno”, l’esperto svela la verità

L’auto elettrica stenta a decollare, e l’ultima notizia mette in allarme gli esperti. Ecco perché la situazione si è complicata.

Il mondo delle quattro ruote vive una fase di vera e propria rivoluzione, dal momento che tutti i marchi stanno pensando all’auto elettrica. A dire il vero, i marchi che non hanno ancora un’auto ad emissioni zero nella loro gamma sono davvero molto pochi, e per la maggior parte, parliamo di chi si occupa di produrre supercar.

Auto elettrica che notizia
Auto elettrica è un dramma – Electricmobiliy.it

Tuttavia, il grande problema è legato alla carenza della domanda, dal momento che sono pochi coloro che accettano di dire addio al motore termico per passare all’elettrico. Negli ultimi giorni, vi abbiamo anche parlato dell’esperienza di un uomo che aveva accettato la sfida delle emissioni zero, decidendo poi di tornare a guidare esclusivamente auto a benzina.

Il motivo? La carenza di infrastrutture per la ricarica, oltre ai prezzi molto elevati dell’elettricità. Al momento, l’auto elettrica costa troppo e non consente di risparmiare nel corso dell’utilizzo, motivo per il quale non c’è alcun bisogno di abbandonare il motore termico, che è ancora il preferito da tutti, soprattutto dalle nostre parti.

Uno dei problemi, oltre agli elevati prezzi d’acquisto, sta proprio nei tempi lunghi di ricarica e nei problemi infrastrutturali, oltre che nelle autonomie troppo basse. Per questo, non sorprende che in Italia soli il 3% delle auto in circolazione sia ad emissioni zero, ed ora è un grande esperto che parla dei vari guai di queste vetture.

Auto elettrica, adesso ne parla l’esperto

Sul “Corriere della Sera“, è apparso un interessante articolo che è chiamato “Processo all’auto elettrica“, nel quale vengono analizzate diverse particolarità di queste vetture, cercando di smentire fake news e di parlare di fatti realmente accaduti. Molto interessante è l’intervista a Nicola Armaroli, chimico e dirigente di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche, che dirige la rivista Sapere.

Ricarica che problema
Ricarica parla l’esperto (Pixabay) – Electricmobility.it

L’esperto ha parlato di quello che è il famoso problema dell’ansia da ricarica, ed anche quella legata all’autonomia: “In Italia, il 75% delle automobili percorre meno di 60 km al giorno, ed il 90% meno di 100 km. Dunque, qualsiasi auto elettrica è in grado di soddisfare il chilometraggio medio giornaliero dell’automobilista italiano. Ovviamente, ciò non vale per chi lavora molto facendo uso dell’auto, come un rappresentante di commercio. Stiamo però parlando di una netta minoranza di italiani, un 5% o anche meno“.

In sostanza, l’esperto vuole far capire come non serva pensare al fatto di dover avere un’auto elettrica che faccia 500 km, dal momento che, giornalmente, vengono percorsi pochi chilometri. Tale problema può sussistere nei casi in cui fanno dei viaggi più lunghi, ma come testimoniano i dati, si tratta di nette minoranze che si verificano molto di rado.

Tuttavia, sul fronte dell’autonomia ci sono molti studi, con i marchi che stanno facendo dei passi da gigante. Ci sono delle auto che sono già in grado di percorrere più di 600 km tra una carica e l’altra, anche se la maggioranza si attesta tra i 300 ed i 400 km. In futuro, questo dato aumenterà ed anche di parecchio.

Impostazioni privacy