Auto elettrica in fiamme, il rimedio migliore sorprende: non se lo sarebbe mai aspettato nessuno

Le automobili elettriche sono il futuro delle quattro ruote, ma quando prendono fuoco spaventano tutti. Ecco il rimedio migliore.

Le automobili elettriche stanno preoccupando moltissime persone in tutto il mondo. Nonostante sia accertato che rischino l’incendio in misura decisamente minore rispetto alle cosiddette vetture tradizionali, è allo stesso tempo vero che purtroppo sono anche molto più difficili da spegnere.  

vigili del fuoco auto elettriche in fiamme soluzione
Auto elettriche in fiamme, ecco la soluzione (electricmobility.i – Canva)

Una problematica, questa, che ha messo in più occasioni in difficoltà moltissimi addetti ai lavori. È difficile ad oggi trovare una ricetta sicura e incontrovertibile per risolvere tale situazione, ma forse una soluzione ad un evento così tanto pericoloso sembra esserci eccome.  

Un modo per contrastare le automobili a zero impatto ambientale che prendono fuoco sembra essere stato rintracciato. Ed è il più sicuro in senso assoluto. È, se vogliamo, anche una sorpresa davvero incredibile. 

Auto elettrica in fiamme, come fare? La soluzione è assurda 

E’ difficile dire quale sia il modo migliore di spegnere una vettura elettrica, anche se una sorta di stratagemma più o meno funzionale sarebbe stato trovato da parte di alcuni speciali soccorritori che a Franklin, nello stato americano del Tennessee, hanno risolto una situazione che poteva divenire drammatica.  

vigili del fuoco auto elettriche in fiamme soluzione
Vigili del fuoco, alcuni pensano che le auto elettriche in fiamme possano essere fermate solo così (electricmobility.it – Canva)

Nel corso di un incendio di un’automobile elettrica, precisamente una Nissan Leaf incendiatasi mentre si trovava in carica fuori dalla sede centrale del costruttore giapponese in Nord America. Gli stessi hanno trascorso ore a versare 170.000 litri d’acqua sul veicolo in questione. Se questo numero non bastasse, beh, ci teniamo a precisare che per una vettura alimentata a diesel o benzina ce ne vogliono 4.000 al massimo. 

Il maresciallo dei vigili del fuoco, Andy King, ha espresso un parere decisamente particolare: “Se ci trovassimo di fronte ad uno scenario simile di nuovo, potremmo essere costretti a lasciare bruciare l’automobile”. Forse è una frase iperbolica, ma se ci pensiamo bene non è completamente assurdo come concetto. Più e più volte si è detto quanto sia difficile spengere una vettura a zero emissioni, tanto che potrebbe rischiare di continuare a bruciare anche a distanza di tante ore dal primo incendio.  

Gli incendi ‘elettrici’ tendono a riavviarsi. Sono inclini ad un processo totalmente diverso da quello che riguarda le automobili endotermiche. Ciò le rende molto pericolose. E per quanto sia più complicato che possano prendere fuoco, beh, se lo fanno le conseguenze possono essere gravissime. Su questo è davvero molto complicato discutere. Prima o poi una situazione efficace al problema andrà trovata. Ma fino a quel momento affidarsi a stratagemmi ‘particolari’ non è per forza sbagliato. 

Impostazioni privacy