Economica ma mortale: l’elettrica cinese che fa discutere, test shock

L’elettrica in Cina va per la maggiore, e finora ha convinto anche gli scettici. Eppure l’ultimo modello si sta rivelando molto problematico.

Il mercato dell’auto elettrica è in grande espansione negli ultimi anni soprattutto grazie ai marchi cinesi. Le aziende dell’Estremo Oriente sono infatti state in prima linea nella realizzazione di vetture a batteria, e grazie a importanti investimenti in tecnologia e design si sono affermate con un ruolo di primo piano. Se infatti fino a non molti anni fa le vetture cinesi erano bollate preventivamente come auto di scarsa qualità e affidabilità, oggi sono tra i marchi più apprezzati del settore.

crash test auto cinese
Test shock per il modello cinese (electricmobility)

Questo almeno è quello che succede di solito, perché le ultime informazioni che arrivano dall’Australia hanno fatto sollevare più che qualche dubbio su una delle auto più attese del 2024. Il problema principale risulta quello della sicurezza, fondamentale – com’è facile immaginare – per qualsiasi automobile che si vuole immettere in commercio. A bocciare l’ambiziosa elettrica cinese è stato l’Australasian New Car Assessment Program (Ancap), l’ente predisposto ai test sulle vetture nel paese oceaniano.

La vettura in questione è la MG 5, la nuova berlina prodotta da MG Motor. Si tratta di uno storico marchio automobilistico britannico, che da qualche anno è però stato acquisito da una grossa holding cinese, SAIC Motor. Questo passaggio verso l’Asia ha significato il rilancio del marchio, prima in profonda crisi, che nel 2011 ha lanciato il suo primo modello dopo 16 anni di silenzio, la MG 6. Tuttavia, la nuova vettura dell’azienda sino-britannica non sta convincendo molto in termini di sicurezza.

MG 5, l’elettrica cinese bocciata su tutta la linea ai test Ancap

Un risultato, quello che arriva dall’Australia, che sorprende molto, visto che in precedenza i test dell’ente europeo Ncap avevano assegnato 3 stelle alla vettura sulla sicurezza. L’Ancap, invece, gliene ha date addirittura zero. La differenza è dovuta al fatto che i test in Europa si concentrano sulla sicurezza in caso di incidente, dove la MG 5 è stata trovata piuttosto affidabile. In Australia, invece, ci si concentra maggiormente sulla capacità di prevenire gli incidenti.

MG5, l'elettrica cinese fallisce clamorosamente i test sulla sicurezza
La nuova MG 5 elettrica. (MG Motor) Electrimobility.it

Così, la nuova berlina elettrica cinese si è trovata bocciata praticamente in ogni ambito di valutazione. Ha ricevuto un voto del 37% sulla protezione dei passeggeri adulti, e del 58% su quella dei bambini. In merito alla protezione dei pedoni è arrivata solo al 42%, mentre il sistema di assistenza alla sicurezza è stato valutato con un bassissimo 13%. Malissimo anche nei crash test, con 0/8 punti sia nelle collisioni frontali che a tutta larghezza. E dire che il modello precedente, la MG 4, aveva ottenuto la massima votazione nei test Ancap.

Impostazioni privacy