Auto elettriche, spunta l’arma per battere la Cina: la nuova invenzione può cambiare tutto

La Cina dominatrice assoluta del mercato dell’elettrico? Ecco la prodigiosa soluzione che potrebbe ribaltare tutto.

Tra il Covid e lo scoppio della guerra in Ucraina è apparsa chiara e lampante una cosa, ovvero quanto l’Asia abbia il coltello dalla parte del manico per quanto riguarda le materie prime necessarie per costruire le macchine, prova ne sono i grossi ritardi nelle spedizioni che con il mercato bloccato si sono verificate fino a pochi mesi fa.

Arma anti Cina
Arriva l’arma anti Cina? – electricmobility.it

Per fronteggiare questa situazione alcuni colossi europei come Volkswagen si sono rimboccati le maniche per cercare dei rimedi, specialmente con un occhio al futuro, quando i mezzi che vedremo in strada saranno in prevalenza elettrici. E proprio quella delle zero emissioni è una sfida che tocca l’Occidente non solo dal punto di vista ambientale, ma altresì della fattibilità. Ad oggi l’Europa in particolare, è fortemente dipendente della Cina e Taiwan, dove vengono realizzate le batterie per alimentare gli EV.

Questo fa sì che si debba attendere le loro tempistiche e che i prezzi siano squilibrati. Da noi un’auto full electric è ancora molto esosa, da loro le si può trovare anche ad un costo di poco superiore a quello di uno scooter di buona fattura.

Come detto, però, negli uffici e nei laboratori si sta lavorando sodo per cercare alternativi alle cariche agli ioni di litio per come le conosciamo adesso. E un esempio ce lo fornisce quello che vi racconteremo.

Gli Stati Uniti sfidano la Cina per le batterie, la loro scoperta

A rendere il Paese rosso dominatore nella produzione delle batterie, è la presenza sul territorio della grafite, essenziale per gli anodi. La buona notizia è che esiste anche quella sintetica. Si tratta di un elemento composto da carbonio creato al termine del diciannovesimo secolo, per anni impiegato in diverse industrie.

Batteria auto elettriche, cosa stanno producendo in America
Batteria auto elettriche, quali novità (Canva) – Electromobility.it

Attualmente il suo sfruttamento sta crescendo e dalla Benchmark Mineral Intelligence è stato stimato che nel 2025 il 65% degli anodi sarà formato da tale sostanza.

Addirittura per un’altra società di analisi, la Mordor Intelligence, l’incremento dell’utilizzo sarà tanto ampio da raggiungere il 40% in più per un valore di 4,2 miliardi di dollari entro il 2028.

Attualmente una batteria contiene tra i 50 e i 100 grammi di grafite, il 90% della quale è raffinata in Cina. Ciò fa sì che vi sia un profluvio di start-up pronte ad investire in questo campo tanto florido e con le prospettive di allargarsi ulteriormente per via dell’aumento della domanda.

Negli States, approfittando dell’Inflaction Reduction Act, alcuni imprenditori hanno azzardato a costruire impianti specializzati in grafite sintetica, adottando tra l’altro metodi decisamente meno inquinanti rispetto al Dragone. A ciò va aggiunto che le prestazioni garantite sono migliori e il costo è solo del 10% superiore. Purtroppo però questi dati non devono far giubilare. Come affermato dall’amministratore delegato della società australiana Novonix Chris Burns, la supremazia asiatica durerà almeno per altri dieci o vent’anni, quindi il processo sarà molto lento.

Fa pensare tuttavia che se l’America si è subito impegnata nell’investire nel materiale sintetico, l’Europa è più titubante. L’unica eccezione è rappresentata dalla Norvegia con la Vianode fondata nel 2020.

Impostazioni privacy